I sapori della Calabria (introduzione al patrimonio Enogastronomico)

INTRODUZIONE

Patrimonio Enogastronomico Calabrese

In questo articolo paliamo dei prodotti ENOGASTRONOMICI CALABRESI se anche tu sei un custode del gusto e vuoi far conoscere i tuoi prodotti TIPICI contattaci tramite la sezione CONSULENZA ONLINE

 

La Sardella Calabrese

Patrimonio Enogastronomico Calabrese

Prodotto tipico Calabrese in particolare della provincia di Crotone, dell’alto e basso Ionio Cosentino.

Detta anche volgarmente caviale calabrese, caviale dei poveri, rosmarino nudicella. La crema è a base di salsa di bianchetti di piccolissima o media taglia, peperoncino rosso dolce o peperoncino piccante macinato in polvere, olio d’oliva, Cipolla di Tropea Calabria IGP, prezzemolo e ovviamente sale ed aromi come i semi di finocchietto selvatico.

Ci tengo a dire che il prodotto e senza lattosio e glutine ideale per ciliaci, o per intolleranze e allergie al latte o al glutine.

Il nome commerciale bianchetti è attribuito ai pesce azzurri. In particolare sono dei pesciolini nati da poco che hanno terminato lo stato larvale e che presentano le caratteristiche morfologiche di un pesce adulto

Il termine è usato principalmente per i pesci di acqua dolce, ma è corretto anche per i piccoli dei pesci d’acqua salata. Le loro dimensioni vanno da alcuni decimi di millimetro per le specie più piccole fino alla decina di centimetri per i giganti dei fiumi.

Il pesce viene pescato nel Mar Mediterraneo (in particolare Sardine e acciughe).

Tale tipo di pesce viene pescato con speciali reti, chiamate nel gergo ligure sciabegottu (simili alla rete a sciabica, ma con dimensioni più piccole), nei primi mesi dell’anno.

Ancora più ricercata è la rosamarina di triglie, grazie al colore naturale di questi pesci, risulta al momento della pesca leggermente rosata e di gusto più dolce una volta cotta, rispetto alla versione commerciale a base di acciughe che appare del tutto bianca.

Informazione Aggiuntive

Patrimonio Enogastronomico Calabrese

Inoltre c’è da dire che in Calabria il termine “sardella” indica non soro l’ottima salsa che ho descritto ma anche i pesci stessi pescati. Dato che il termine sardella significa Sardina piccola o meglio ancora figlioletto della Sarda. Infatti per fare la salsa si utilizzano i bianchetti che possono essere anche dei pesciolini di Sarda.

Utilizzo del Pesto alle Sardelle in Cucina

Eccellente per preparare delle superbe polpette o anche da mangiare freschissima, appena pescata, marinata con olio d’oliva e limone. La pesca delle acciughine avviene nei mesi di marzo e aprile.

Descrizione

La tradizione marinara di questo popolo che si affaccia sul Mediterraneo prevede la conservazione soprattutto del pesce azzurro, così abbondante in queste zone: i migliori filetti di tonno, le sarde e le alici più saporite sono state selezionate e preparate secondo le antiche ricette tradizionali tramandate oralmente dai pescatori.

Ingredienti:  (sardina pilchardus) 65%, peperoncino piccante, olio d’oliva, semi di finocchio, acido lattico.

 

 

Redatto in collaborazione

 

https://www.studioconsulenzeaziendali.it

https://www.studioconsulenzeaziendali.it

https://www.commercialista-consulente.it

https://www.commercialista-consulente.it

Tags:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *