Introduzione

Resa Lavanda per Ettaro e Utilizzo per la Cosmesi

In questo articolo dopo aver parlato delle info di base sulla lavanda le diverse varietà, la produzione per ettaro, la coltivazione ecc. Ci soffermeremo a parlare dei prodotti che si ottengono dalla coltivazione della lavanda.

Prodotti per L’ambiente

I fiori di lavanda

Per ottenere un ottima essenza per l’ambiente sia per spazzi aperti e chiusi la lavanda viene raccolta a mano nel periodo di piena fioritura.

Viene raccolta in mazzetti che vengono fatti essiccare al buio e al caldo di luglio, vengono sgranati a mano e successivamente racchiusi in sacchetti di cotone, per profumare armadi e cassetti.

 

Olii ed estratti

Qualunque sia la varietà coltivata, la parte della pianta utilizzata (droga) è costituita dalle sommità fiorite; da esse si ottengono l’olio essenziale (grazie alla distillazione in corrente di vapore), estratti quali la concreta l’assoluta (mediante l’utilizzo di solventi).

I fiori essiccati sono utilizzati nell’ottenimento dell’olio di lavanda. Sia i fiori che l’assenza da essi ottenuto presentano un’azione molto dolce e possono essere associati ad altre piante officinali.

Benefici degli oli essenziali

Nella medicina tradizionale la lavanda viene utilizzata nel trattamento dell’irrequietezza, dei disturbi del sonno, dell’inappetenza, dei disturbi intestinali (gastrite nervosa, meteorismo, coliti nervose).

La lavanda viene anche utilizzata nel trattamento di spasmi, coliche, vertigini, mal di testa di origine nervosa, mal di denti, distorsioni, nevralgie, reumatismi, acne, foruncoli, escoriazioni e ferite.

In terapia si fa uso dell’infuso, del decotto o dell’olio, sia per via interna sia mediante applicazione esterna. L’olio essenziale viene usato anche come repellente per insetti e per questa sua funzione viene addizionato agli spray per profumare gli ambienti.

Si è osservato come l’olio essenziale, diffuso nell’ambiente, può essere utile nei casi di predisposizione alle malattie da raffreddamento.

Per la pelle: Indicato soprattutto nel trattamento di pelli grasse con foruncoli, di norma, l’olio essenziale, si miscela insieme alla camomilla ed al geranio per potenziarne gli effetti.

Per le ustioni, scottature: L’olio essenziale di lavanda è il miglior rimedio per le ustioni, le bruciature e le scottature solari. Inoltre, grazie al suo potere citofilattico: promuove la formazione di nuove cellule dell’epidermide favorendo, al contempo, la cicatrizzazione.

Per i capelli: L’infuso di lavanda si usa per lavare i capelli grassi.

Per le vie respiratorie: in caso d’asma o bronchite l’olio essenziale di lavanda è un ottimo antispasmodico ed esplica una potente azione calmante in caso di attacchi d’asma. L’azione antisettica è invece utile nelle bronchiti.

Per il sistema nervoso: esplica un’azione calmante e rilassante, utile in caso di stati d’ansia e di insonnia. E’ efficace per emicranie nervose, bastano poche gocce sulle tempie o vicino al cuscino prima di addormentarsi.

  • Ancora
  • Anche
  • Come
  • In più
  • Per non parlare di

 

REDATTO IN COLLABORAZIONE CON:

 

 

Tags:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *