Zootecnia pregiata non convenzionale

Zootecnia pregiata non convenzionale

SONO I CANI AD ABBAIARE NON LE QUAGLIE

 

La quaglia comune (Coturnix coturnix) è un uccello galliforme della famiglia dei Fasianidi, la misura va da 16-20 cm di lunghezza per 70-140 g di peso nei maschi e 70-155 g nelle femmine, l’apertura alare è di 32-35 cm. Il canto della quaglia è un tipico suono delle campagne europee. Un suono che è parte integrante delle calde estati, che si integra appieno con il solleone e il frinire delle cicale.

Contrariamente ad altri uccelli migratori, le quaglie non seguono le stesse rotte ogni anno e possono anche cambiare le zone di nidificazione o di svernamento. I maschi migrano prima per prendere possesso dei territori, dai quali allontanano i rivali cantando. Una volta arrivate le femmine, esse iniziano a cercare un luogo adatto per nidificare. In estate, la quaglia comune è presente in tutta l’Europa ed est fino alla Cina. In inverno, migra verso il sud in  gran numero.

 In primavera, la quaglia comune si nutre essenzialmente di insetti, carabi, cavallette, forbicine e formiche. Questa alimentazione ricca di proteine consente all’uccello di recuperare le forze dopo il lungo viaggio migratorio e prepararsi all’allevamento dei piccoli. Più avanti nella stagione, la quaglia mangia una maggiore quantità di semi. Quando questi divengono più abbondanti, costituiscono la sua fonte di nutrimento principale. La quaglia nidifica nei campi di cereali, di erba medica o di piante oleaginose, dove mangia i semi caduti a terra. Il regime alimentare molto energetico della quaglia le consente di accumulare riserve di grasso prima di intraprendere la migrazione autunnale dall’Europa e dalla Cina verso l’Africa e l’India.

La quaglia comune è una nidificatrice ostinata. Nel caso la sua covata vada distrutta, la quaglia può deporne una seconda e addirittura una terza. Costruisce il nido al suolo, tra la fitta vegetazione, di solito tra l’erba alta o i cereali, al sicuro dai predatori. Non appena il maschio ha stabilito un proprio territorio e la femmina ha scelto un luogo per nidificare, si forma la coppia. La femmina risponde al canto del maschio con il suo proprio canto, attirandolo verso di lei. Il maschio si avvicina alla femmina e le gira intorno con il piumaggio arruffato e le ali cadenti, tubando dolcemente. Dopo questa parata nuziale, molto simile a quella dei piccioni, gli uccelli sono uniti e si accoppiano. I legami che uniscono le coppie durano per tutta la stagione della nidificazione; maschi e femmine cantano spesso insieme. La femmina depone un uovo al giorno per circa 10 giorni e poi li cova per circa 18 giorni. Il maschio non prende parte all’incubazione. Le piccole quaglie possono volare all’età di tre settimane e sono pronte a partire per la migrazione a due mesi.

La quaglia comune vive generalmente su terreni pianeggianti o leggermente ondulati a meno di mille metri di altitudine, nonostante possa spingersi fino ad un’altitudine di 1800 metri in alcune vallate delle Alpi e perfino a quote superiori sull’Himalaya. Predilige tuttavia i prati, i campi di cereali (frumento, orzo, avena, segale), così come le distese di erba medica e i terreni freschi.

La quaglia comune è una specie migratrice dalla distribuzione geografica molto vasta. Nidifica nell’Europa centralee meridionale, nell’Asia occidentale e nell’Africa nord-occidentale, in un’area che comprende anche le Azzorre, Madeira, le isole Canarie, le isole del Capo Verde, il nord dell’Egitto, Israele e il nord dell’Iraq e dell’Iran. In Asia, l’area di nidificazione si estende fino al lago Baikal, ai piedi dei monti Altai in Mongolia, all’ovest della Cina, al Pakistan, all’Afghanistan, al Kashmir, al nord-est dell’India, al Nepal, al Bhutan, all’ovest dell’Assam e al nord del Bangladesh. I migratori raggiungono l’Egitto, la Libia, l’Africa equatoriale fino al nord del Kenya, l’Angola, lo Zambia, l’est della Repubblica Democratica del Congo, nonché la metà settentrionale dell’India. Alcuni degli uccelli che svernano nel Nordafrica sono già in grado di riprodursi prima di raggiungere l’Europa. La specie è stata introdotta anche sull’isola di Mauritius.

La quaglia comune presenta grandi variazioni dovute alla sua grande distribuzione geografica e alla presenza di popolazioni isolate sedentarie. Sono state pertanto descritte diverse sottospecie, di cui attualmente ne vengono riconosciute come valide cinque:

  1. c. coturnix (Linnaeus, 1758), la sottospecie nominale, ampiamente diffusa dall’Europafino alle regioni centro-orientali della Russiae alla Mongolia, ad est, e all’Africa nord-occidentale e alle regioni settentrionali e centrali dell’India, forse anche al Bangladesh, a sud; sverna soprattutto nella fascia del Sahel in Africa e nelle regioni centrali e meridionali dell’India;
  2. c. conturbans Hartert, 1917, endemica delle Azzorree caratterizzata da un piumaggio più scuro di quello della sottospecie nominale, ma con parti superiori più chiare di C. c. africana;
  3. c. inopinata Hartert, 1849, molto simile alla precedente ed endemica delle isole del Capo Verde;
  4. c. africana Temmincke Schlegel, 1849, diffusa nell’Africa sub-sahariana, a Mauritius, nelle isole Comoree in Madagascar; è molto simile alla sottospecie nominale, ma ha il dorso più scuro.
  5. c. erlangeri Temminck, 1912, diffusa nelle regioni orientali dell’Africa, dall’Etiopiaallo Zimbabwe; è la sottospecie più scura di tutte. I maschi hanno faccia, gola e parti inferiori di colore rosso.

Da alcune stime risulterebbe che la popolazione mondiale di quaglie allo stato selvatico possa raggiungere l’incredibile numero di 15-35 milioni di individui adulti, qualificandole come uno degli uccelli più comuni del mondo alato. Di conseguenza, essa viene considerata dalla IUCN come «specie a rischio minimo» (Least Concern). L’allestimento di allevamenti industriali per la produzione alimentare e l’ibridazione con la congenere quaglia del Giappone (Coturnix japonica), di dimensione leggermente più grossa, ha ampliato la presenza di questo volatile, ormai specie ibrida, in tutti i continenti. La quaglia ha mostrato negli ultimi decenni sensibili riduzioni nel numero, dovute principalmente alla modifica dei metodi agricoli e della tipologia delle coltivazioni.

Dopo questa introduzione generica delle quaglie spiegherò le varie razze di quaglie e i loro vantaggi e svantaggi.

L’allevamento delle quaglie viene effettuato per tre scopi: per le uova, per la carne e ad uso ornamentale. A seconda di queste esigenze, sono stati allevati circa 40 tipi di quaglie domestiche. Queste razze possono essere a duplice attitudine o tripla attitudine o specializzate per uno scopo in particolare.

QUAGLIA CLASSICA

Classificata internazionalmente con il nome “Coturnix coturnix” già ampliamente descritta nella parte iniziale del articolo.

BIANCA INGLESE

Questa razza viene utilizzata soprattutto per la produzione di uova e per la sua carne, ma trovo che la sua colorazione risulta molto affascinante ed ottima per aziende ed agriturismi che cercano animali da ornamento. Ha un piumaggio bianco a volte con penne scure e occhi scuri. Le femmine raggiungono un peso di circa 140-180 g e i maschi fino a 160 g. Il dimorfismo sessuale (differenza morfologica – estetica che rende possibile distinguere i maschi dalle femmine) non è riscontrabile prima delle 7-8 settimane d’età.

NERO INGLESE

Questa razza è il risultato della selezione genetica delle quaglie giapponesi introdotte in Inghilterra. La produzione di uova annue è inferiore alla razza giapponese ma e più pesante. Il peso della femmina nera quaglia inglese è 180-200 g, il maschio – 160-170 g. Il piumaggio è marrone scuro che tende ad scurirsi in piumaggio nero. Ottimi per la produzione di carne e uova ma con una bassa percentuale di schiudere.

MANCHU D’ORO

La piuma dell’uccello di questa razza è di colore marrone, la metà è più chiara – il colore del grano, nel sole dà all’individuo una tonalità dorata. Le quaglie raggiungono una massa di 140-160 grammi, le quaglie sono 160-180 grammi La quaglia oculare è piccola – circa 220 pezzi all’anno (con una buona cura, è possibile raggiungere 260). La schiusa dei pulcini è bassa – 75-85%. E’ facile determinare il sesso dei pulcini in tenera età, un individuo consuma poco cibo – 30 g, il peso dell’uovo è di circa 16 g, sono rustici (resistono alle malattie) e la colorazione dorata li rende bellissimi.

MARMO

La quaglia di marmo è ottenuta come risultato di una mutazione del rock giapponese. Riconosci il monotono piumaggio grigio con un motivo di marmo sulle piume. In peso e il numero di uova portate in un anno è insignificante diverso dal progenitore di razza. Il peso vivo della femmina tira 145 g, il maschio – 120 G. La percentuale di deposizione delle uova annuale è di 260-300 pezzi. Il peso di un uovo è 10-11 g. Questa razza poco diffusa e a triplice attitudine.

SMOKINGVY

Il risultato della traversata delle quaglie bianche e nere era l’allevamento di una razza di tuxedo – uccelli con la schiena scura e il petto bianco. La quaglia per adulti raggiunge un peso di 140-160 g, una quaglia di 160-180. Le femmine depongono in media 280 uova all’anno. Il peso di ciascuno è 10-11 g.

FARAONE

Il faraone è la razza di carne più popolare tra gli allevatori principalmente per la sua massa – è impressionante: galline ovaiole – 310 grammi, maschi – 265 grammi La razza è allevata dagli americani. I vantaggi, ad eccezione del peso, possono essere considerati la possibilità di rilevare precocemente il sesso dei pulcini, l’alta schiudibilità dei pulcini (80-90%) e la fecondazione delle uova (75-85%). Insieme a indicatori eccellenti per il peso, i faraoni sono un pò inferiori alle altre razze nella produzione di uova: 200-220 pezzi, il peso di un uovo è 12-16 g.

TEXAS WHITE PHARAOH

Un’altra razza di quaglie di carne con dimensioni di uccelli spettacolari è il faraone bianco del Texas. Questi individui completamente bianchi hanno un peso vivo di 400-480 g nelle femmine e 300-450 nei maschi. Tra i vantaggi della razza, si può anche notare la rapida crescita degli uccelli. Gli aspetti negativi dei faraoni del Texas includono una produzione di uova bassa (200-220 uova / anno) e la stessa schiudibilità dei nidiacei (60%). Il peso di un uovo varia da 12 a 16 grammi. Gli aspetti negativi della razza includono anche un’elevata assunzione di cibo (40-43 g / giorno) e l’impossibilità di determinare il sesso prima che inizi la deposizione delle uova.

LA QUAGLIA ESTONE

Le migliori quaglie legate alla carne e alle razze di uova sono uccelli appartenenti alla razza estone. Sono caratterizzati da un’eccellente produzione di uova – 300-320 uova all’anno, e una massa decente di femmine – 200 g e maschi – 170 g, hanno anche una elevata progenie di incubatori (82-90%) e fecondazione di uova (90%).Il tasso di assunzione di mangime per un individuo è di 35 grammi al giorno, che è parecchio paragonabile ad altri parenti. Tuttavia, questa carenza è completamente coperta dai principali vantaggi della razza: senza pretese nelle cure, un alto grado di sopravvivenza e un’eccellente produttività.

QUAGLIA GIAPPONESE

La quaglia più popolare per ottenere le uova è giapponese. Allevando questa razza, la deposizione delle uova è stata posta in prima linea. Tuttavia, avendo raggiunto una cifra di oltre 300 uova all’anno, nello stesso tempo la quaglia giapponese ha perso l’istinto di incubazione. Pertanto, gli allevatori dovrebbero sicuramente acquisire incubatori.

La massa delle femmine è 140-145 g, i maschi – 115-120 g, le carcasse – 80 g, le uova – 8-12 g La razza è caratterizzata da un’alta fecondazione delle uova (80-90%), rapido sviluppo e crescita, resistenza alle malattie e senza pretese in cura. La resa dei pulcini è bassa – 70%.

L’aspetto della quaglia giapponese è caratteristico: il tronco è allungato, la coda è corta, il colore della coda è marrone-bianco. La razza giapponese è fondamentale per l’allevamento di altre varietà. Quindi, se il tuo obiettivo è quello di ottenere le uova dalla quaglia, allora devi scegliere di allevare la razza Quaglia bianca inglese, oro della Manciuria, giapponese. Per ottenere sia le uova che la carne, scegli la quaglia estone e il faraone. Quando si prevede di aprire un’attività di quaglie di carne vale la pena guardare la quaglia bianca texana e ancora il faraone.