Come difendere i frutteti durante la fase di fioritura

Come difendere i frutteti durante la fase di fioritura

 

 

La difesa passiva

 

  • La giusta collocazione del impianto è importantissima, le specie che fioriscono prima come l’albicocco, devono essere collocate in una zona del terreno meno esposta; come colline o un pendio esposto a Sud.

 

  • Scelta della varietà: la scelta di una determinata cultivar a fioritura tardiva può risolvere il problema delle gelate anche se la fioritura è posticipata solo di qualche settimana.

 

  • Irrigazione del terreno: limita molto la perdita di calore del terreno per effetto dell’irraggiamento notturno più di quanto non fa un terreno secco.

 

 

La difesa attiva

 

  • Candele antigelo: vengono collocate le lampade in prossimità della base della pianta, il calore salendo verso l’alto riscalda l’aria e impedisce le gelate. Questa tecnica è utilizzabile solo in assenza di vento, quando la temperatura varia -4/-5 gradi centigradi.

 

  • Ventilatori:questa tecnica utilizza degli enormi ventilatori allo scopo di rimescolare gli strati d’aria, in modo da evitare che l’aria fredda si depositi negli strati atmosferici bassi e quella calda in quelli più alti con conseguente formazione di brina e ghiaccio nei primi 3-4 metri del suolo.

 

  • Irrigazione antibrina: La tecnica sfrutta il fatto che l’acqua passa dallo stato liquido a quello solido, l’acqua ghiacciando libera quindi calore che impedisce un ulteriore raffreddamento. L’acqua si deposita sui fiori, congelandosi riscalda l’aria circostante mantenendo una temperatura prossima a zero gradi quando quella dell’aria circostante e magari -6° C. la temperatura di 0°C non comporta una sostanziale perdita di produzione.

 

  • Coperture TNT (tessuto non tessuto) o Agritelo : Sono tutti quei teli che mantengono le caratteristiche del tessuto pur non derivanti da processi tessili), ottimo per proteggere le coltivazioni dall’intemperie. La caratteristica dell’agritelo è che traspira e lascia passare la luce. Il telo è abbastanza resistente e difficilmente si rompe, quando viene usato per più di qualche anno. In commercio ci sono teli biodegradabili, prodotti con materiali naturali quali feltro e cotone, in modo tale da non inquinare il terreno.